Poesia Core mio

Core mio

Che vvuò stasera core mio

che mpietto me sbatte

Pare che me vuò dicere:

”perché suoffre ‘sti ponte ‘e spine?

Sienteme!

St’ ammore tuoje nun tene speranza

e tu nun saie ppecché!

Stu suonno antico nun po’ durà!

Truovate nu core nuovo,

che te fa campà e te cunzola pe tutt’ ‘a vita

Hai raggione…

Quanti turmiente e lacreme

aggio chiagnute

pe’ chisto ammore

fatto ‘e fantasia.

Arapeme ‘sta porta.

e famme vedè

si so’ capace ancora

‘e guardà ‘e stelle

ca so’ asciute.

E io mbraccio a ‘nato,

me scorde ‘e te!

Cu stu core nuovo

ca nunpo’campà

stanno luntano ‘a te

manca pe’ nu minuto!…

Dora Forino

Annunci

Informazioni su doraforino

Sono un' insegnante che ora si gode la pensione, privileggiando il tempo libero con la scrittura, Lettura, comunicazioni, eventi poetici e weekend dagli amici...A presto ! Dora
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Poesia Core mio

  1. semprecarla ha detto:

    Una poesia incantevole, intensa per il dialetto… Mi piacciono quelle scritte con il calore della terra che ci ha nutriti. Pensa che io ho una adorazione per Pino Daniele i cui testi, tante volte ostici da tradurre, sono creazioni poetiche inimitabili. 🙂

  2. doraforino ha detto:

    Le poesie in vernacolo ,sono piene di sentimenti..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...